#AcidoAcida: 2013, Odissea nel Natale – Luci d’Artista a Salerno

Reading Time: 4 minutes

A me il Natale è sempre piaciuto. Lo so, non è di moda amare il Natale. Se vuoi sembrare davvero cattivo, puzzolente e alternativo devi dire che odi il Natale, il panettone ti fa schifo, i regali pure e la tua festa preferita è il 2 novembre. Ma a me piace il Natale pure se mi fa sembrare Candy Candy e non Alex di Arancia Meccanica.

Il Natale nella mia città (Salerno) è sempre un po’ speciale. Questo grazie alle Luci. Le Luci costano 2,5 milioni di euro. 2,5 milioni di euro, attirano 2,5 milioni di turisti. Circa 30.000 persone al giorno. Tutte nel centro storico. Tutte vicine vicine.

A Salerno, ti accorgi del Natale, mentre ancora ti stai godendo il sole in spiaggia. A metà ottobre, quando ancora la gente sguazzava allegramente fra le pantegane del chiavicone (il chiavicone, per chi non lo sapesse, è la spiaggia cittadina), in città montavano le luci.

Non voglio sapè niente. Io sono ancora in ferie.
Non voglio sapè niente. Io sono ancora in ferie.

Il  Natale salernitano è fatto di piccoli rituali:

1) Dieci giorni prima che le luci vengano ufficialmente inaugurate da l sindaco, partono le invettive su Facebook, si formano le gang, ognuno prepara uno status ad effetto, compaiono le prime indiscrezioni, ricompaiono le foto delle luci dell’anno precedente, persone taggano altre persone che non vivono più a Salerno per far vedere loro quanto Salerno diventi bella con le luci durante il Natale, gente che condivide foto di Salerno con l’inquietante didascalia  “la città più bella del mondo”, iniziano i violentissimi scontri tra detrattori (che pur di trovare lo straccio di un parcheggio firmerebbero per riavere i tossici sotto casa) e sostenitori (che venderebbero mamme, padri, figli e compagni per una gigantografia dimensioni naturali di Vincenzo De Luca).

gangs
L’utente medio di Facebook che, come al solito, esprime la sua opinione con sangue freddo.

2) Sul Corso compare il signore africano vestito da Babbo Natale, che suona il bonghetto e, dopo avergli lasciato una moneta, urla il tuo nome, affinché su Saturno sappiano che c’è vita sulla Terra.

LEGANERD_038594
Da Saturno hanno risposto: “no grazie, abbiamo tutto, non ci serve niente”.

3) Ci si addormenta che ancora mezzo parcheggio gratuito si trova, ci si risveglia a Calcutta nell’ora di punta. Gente morta in auto con la mano incollata al clackson, automobili che sgommano investendo vecchi, vecchi che sgommano investendo automobili, persone piantate come platani secolari in mezzo al marciapiede che scattano foto come se non ci fosse un domani, gente che per evitare incomprensioni si fa fotografare mentre indica un albero di neon alto due metri (dovesse non capirsi che sta in posa con un albero di neon alto due metri), esaltati che nel tentativo di un autoscatto ottengono come risultato le proprie narici con  sfondo di zampa di drago di Piazza Sant’Agostino. Tutti quelli che non escono da mesi, insomma, si mettono il vestito buono e si riversano in strada e lì restano, bloccati, fino al 6 gennaio.

Salerno, durante un normalissimo lunedì mattina.
Salerno,  un normalissimo lunedì mattina.

Ma veniamo alle opere.

Piazza Flavio Gioia, detta “La Rotonda”, si trasforma in Piazza Flavio Gioia & Dolore. Imbarazzo e sconcerto, come sempre,  i temi delle installazioni  che illuminano l’angolo più bistrattato di Salerno che d’estate è un troiaio di sedicenni in tanga che si ubriacano con il crodino e d’inverno  un troiaio di sedicenni in tanga che s’ubriacano con il crodino sotto la deflagrazione di una bomba H. Storicamente in piazza Flavio Gioia ci finiscono quelle installazioni che sembrano una forma di vita aliena e fanno male agli occhi, come in un romanzo di John Wyndham. Si sono susseguite: un planetario post-apocalittico, un acquario inquietante, una  fenice diversamente abile, un arcobaleno pensato da un puffo dopo aver fumato crack e, quest’anno, Valeria Marini.

Valeria Marini, in realtà, dovrebbe essere la Primavera di Sandro Botticelli, o almeno ricordarla.

Vincenzo-de-luca
Bravo, Sandro. L’idea è carina ma ci vuole più coscia. Più glitter. Più anima!

E quindi…

salerno-si-illumina-d-immenso-al-via-ottava-edizi-490601
Valeria Marini che scende le scale del Teatro Ariston scaccia l’inverno e ci regala un’eterna primavera…

Nel frattempo, in Piazza Sant’Agostino, uno spaventoso tsunami dava vita all’installazione d’ispirazione orientale:

Come al solito, in Piazza Sant'Agostino la parola d'ordine è minimalismo!
Come al solito, in Piazza Sant’Agostino la parola d’ordine è minimalismo!

Ma il pezzo forte di quest’anno sono i pinguini.
Li hanno piazzati sugli scogli e rappresentano il Polo Sud, quindi il freddo, quindi l’inverno che la Marini deve sconfiggere con la potenza della sua coscia. Per il momento sono il simbolo della tristezza e della solitudine, ma noi siamo fiduciosi.

pinguini_salerno
I pinguini hanno un’anima poliedrica: a prima vista sacchi della spazzatura, possono anche ricordare le mascotte di Salerno: i simpatici ratti del lungomare.

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *