III Tappa Blog-Tour Dream, il sogno delle fate di Francesca Angelinelli

Reading Time: 5 minutes

buongiornoflaÈ tempo di un nuovo blog-tour! Quello che vi presento oggi è il primo volume della nuova serie di Francesca Angelinelli, Dream ~ Il sogno delle Fate, di cui vi avevo dato un’anteprima qui. Un romanzo che mi incuriosisce molto e che presto leggerò e recensirò qui sul blog. In questa tappa potrete leggere in anteprima un estratto, quindi bando alle ciance e godetevi un assaggio di Dream, il sogno delle fate!

13265986_1581588008838274_7445573152893618250_n

Oberon, re delle Fate, è stato imprigionato in un sogno dall’oscuro Gwyn up Nudd. Per liberarlo le regine Mab e Titania hanno un’unica via: trovare l’ultima Fata dei Sogni, un’ordinaria diciassettenne ignara della sua vera natura. Il Sogno delle Fate è il primo capitolo della trilogia fantasy Dream.

La trama
Serena è una liceale come tante, gioca a pallavolo, vorrebbe andare all’università, è interessata fin dall’infanzia a un ragazzo e alle porte dell’estate desidera a tutti i costi partecipare al campeggio estivo organizzato dalla scuola, ma un problema che la perseguita fin dall’infanzia potrebbe impedirglielo, un problema legato ai suoi sogni.
Ma sarà proprio nei sogni che la sua vita prenderà una nuova e inaspettata strada…

Autore: Francesca Angelinelli
Genere: Fantasy Young Adult
Serie: Dream – La trilogia delle fate Pagine: 352
Prezzo:
ebook: 2,99 – cartaceo: 15,90
Editore: Youcanprint – self publishing
Data di uscita: 01/06/2016
ISBN cartaceo: 9788892610668
ISBN ebook: 9788892613072

ACQUISTA: Amazon

L’autrice:
Dopo aver frequentato corsi di scrittura creativa e essersi dedicata alla stesura di racconti, Francesca Angelinelli esordisce nel 2007 con i primi due romanzi di una serie fantasy orientale, Chariza. Il soffio del vento e Chariza. Il drago bianco, editi da Runde Taarn Edizioni. Nel 2009 esce il suo primo romanzo non ispirato all’oriente, il paranormal romance Werewolf, per Linee Infinite Edizioni.
Il 2010 è l’anno del suo ritorno al fantasy orientale con la raccolta Racconti di viaggio del monaco Kyoshi, vincitrice della seconda edizione del Premio di Narrativa
Fantastica – Altri Mondi e edita da Montag Editore, e con la pubblicazione del primo volume della Serie delle Cucitrici, Kizu no Kuma. La cicatrice dell’orso, per i tipi di Casini Editore, primo volume del progetto Ryukoku Monogatari.
Negli anni alcuni racconti brevi sono pubblicati in riviste e antologie e dal 2013 decide di passare al selfpublishing, prediligendo il formato dell’ebook e rilanciando così la serie Ryukoku Monogatari dedicata al fantasy orientale.
Ad oggi ha al suo attivo numerose pubblicazioni sia come selfpublisher che con case editrici. Dream. Il sogno delle fate è il suo primo romanzo young adult.

Contatti:
facebook
twitter

14329075_1640338209629920_1453968586_n

Estratto

14341391_1641463129517428_770454495_n«Posso domandarti una cosa un po’ strana?» gli disse, senza voltarsi a guardarlo. «Tu credi davvero alle storie che mi hai raccontato ieri sera? Intendo quelle sulle fate?»
«Sì.»
La sua risposta era stata tanto netta, sicura, ferma, che Serena si voltò verso di lui e sentì lo stomaco sfarfallare come mai prima d’ora. La luce che attraversava le chiome degli alberi sfiorava i capelli chiari di Neil rivelandone i riflessi dorati, e per un attimo, in piedi, sulla sommità del sentiero, a guardarla fisso, non c’era più il ragazzo che l’aveva aiutata con Luca, ma l’arciere, il guerriero con i tatuaggi sulle braccia, il Neil del suo sogno che era ammantato di magia. E lei trattenne il fiato, solo per quell’istante, mentre le chiome danzavano e la luce cambiava, spostandosi e restituendole di nuovo il giovane che l’aveva accompagnata fino in quella radura fiorita.
«Perché me lo chiedi?» Neil mosse un passo lasciando il sentiero.
Lei scrollò le spalle. «Sabrina e Luca le hanno nominate quando mi hanno aggredita.»
«A cosa pensi si stessero riferendo?»
«Non lo so» ammise. «All’inizio credevo che parlassero di qualche tipo di droga, ma ora…» Le sue labbra si piegarono in un sorriso tirato, mentre lo osservava avvicinarsi di pochi passi. «Scusa, crederai che sia un po’ matta.» Sospirò e distese le braccia sopra la testa. «E forse è così. Ne parlo con te proprio perché ho paura che i miei amici mi prendano per pazza. Forse è solo colpa delle pillole.» Di nuovo lo guardò in tralice. Ormai non c’erano che pochi metri a separarli. «Sai, sono sonnambula e avevo delle pillole per non andarmene in giro di notte. È un disturbo stupido» disse, sistemandosi i capelli dietro le orecchie per celare l’imbarazzo. Come le era saltato in mente di affrontare proprio quell’argomento? «Ma io non riesco a guarirne» rise, nervosa. Neil si era avvicinato ancora, ormai poteva distinguere il suo profumo da quello della resina dell’albero cui era ancora appoggiata. «Ti sembrerò patetica.»
Neil colmò piano la distanza che ancora li separava. Non aveva mai tolto gli occhi da lei, ma averlo accanto, così vicino, con quello sguardo concentrato e attento, le strappò un respiro. Lo osservò, mentre appoggiava a sua volta una mano al tronco dell’albero, e fu costretta a sollevare il viso per poter continuare a guardarlo negli occhi.
«Non penso che tu sia patetica» disse. «E nemmeno pazza.»
Serena sentì il cuore partire al galoppo. Era troppo vicino, troppo bello e troppo reale perché ogni parte del suo corpo non fosse sul punto di esplodere. Avrebbe dovuto sentirsi in quel modo, solo poche ore prima, quando Alessandro l’aveva presa per mano e le aveva parlato dei suoi presunti sentimenti. Ma non aveva sentito nulla. Ora invece era paralizzata, sì, ma dall’emozione.
E quando Neil appoggiò una mano al suo fianco e si piegò per baciarla, lei perse un battito e per un momento rimase del tutto immobile, con gli occhi sgranati, senza sapere che fare. Era il suo primo bacio, ma presto divenne un bacio perfetto.
Le palpebre le si abbassarono, le labbra di Neil si mossero sulle sue e il suo corpo si fece sempre più vicino, ma Serena non si sentì né imbarazzata né impacciata. Si abbandonò, respirò il suo respiro e assaporò il suo sapore. Così, quando il bacio di Neil divenne più profondo e intenso, ebbe l’impressione che il cuore volesse schizzarle fuori dal petto. Ciononostante, sollevò una mano e afferrò un lembo della sua t-shirt per attirarlo a sé. Fu investita dal suo profumo che si confondeva con quello del bosco e lo sentì sorridere sulle sue labbra. Anche se non poteva vederlo in volto, era certa che quello nel quale aveva piegato gli angoli della bocca fosse un sorriso compiaciuto, e si maledisse per non poterlo ammirare. Tuttavia non avrebbe rinunciato, neppure per un attimo, al piacere che stava provando.

Ecco le altre tappe del blog-tour, seguitele e partecipate al giveaway che vi permetterà di vincere diversi premi!

14264971_1641477616182646_1656076788024937030_n

I premi in palio:

1 ebook Dream
2 stampa di un disegno di un personaggio
3 segnalibro

Le regole per partecipare:

1) Commenta tutte le tappe
2) Metti like alla pagina di Francesca Angelinelli e a quelle dei blog partecipanti

L’estrazione avverrà il 6 ottobre!

a Rafflecopter giveaway

Ti potrebbe interessare:

4 commenti

  1. Mi piace molto lo stile dell’autrice e questo estratto mi ha lasciata con tanta curiosità :3 questo libro è già finito nella mia wish list u.u

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *