Voggh’essiri un cocciu di rina
nni la rina di la praja;
un pisci nni la riti cu l’autri
mpignati a sfunnari
la gaggia chi li chiuj.

Mi vogghiu svacantari, scurciari,
farimi la peddi nova
comu li scursuna.

***

Voglio essere un granello di sabbia
nella rena della spiaggia;
un pesce nella rete con gli altri
impegnati a sfondare
la gabbia che li chiude.

Mi voglio svuotare, scorticare,
farmi la pelle nuova
come le serpi nere.

Ignazio Buttitta, La peddi nova (a Pier Paolo Pasolini)

img: Ettore De Maria Bergler, Al sole, 1881, olio su tela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.