Le mie letture del 2015

Reading Time: 4 minutes

Ed ecco un bellissimo book-tag inventato da Seli di Ombre Angeliche che mi sembra perfetto per tirare un po’ le fila del discorso “libri” di questo 2015!
Se volete partecipare basta rispondere a queste domande e taggare naturalmente il blog di Seli!

1. Quanti libri hai letto nel 2015?
2. Libro migliore e peggiore dell’anno
3. I preferiti
4. Autore e personaggio preferito
5. Quante saghe hai iniziato e quante ne hai finite?
6. La cover migliore e peggiore dell’anno
7. Miglior libro di un esordiente
8. Quale libro avresti voluto leggere, ma non ce l’hai fatta?
9. Miglior trasposizione cinematografica vista quest’anno
10. Libro più atteso del 2016?

Passiamo alle mie risposte!

1. Quanti libri hai letto nel 2015?

Argh. Brutta, brutta, brutta domanda. Ogni anno mi ripropongo di leggere il più possibile, ma gli impegni vari mi trattengono sempre dal realizzare i miei propositi. Ero partita con una Reading Challenge in cui avevo segnato molto ottimisticamente 100 libri, per poi rendermi conto che forse era meglio abbassare il target a 70 ma di fatto, ad oggi, ne ho letti solo 41! Devo assolutamente migliorare il prossimo anno!

2. Libro migliore e peggiore dell’anno

 

Il miglior libro di quest’anno per me è stato La Principessa Sposa di Goldman. Conoscevo questo libro per aver visto il bellissimo film “La storia fantastica” quando ero piccola, ma non lo avevo mai letto (anche perché quasi introvabile). Poi mia sorella me lo ha regalato e… è stato amore! Amore puro: non è la solita fiaba per bambini, è un’avventura piena di ironia, proprio come piace a me. Per il peggiore ho due pari merito: Obsidian della Armentrout (di una stupidità che sfocia pericolosamente nel ridicolo) e The Selection di K. Class (inconsistente e noioso). Non so perché io abbia deciso di leggere due libri che avevano tutti i numeri per NON piacermi, visto che odio le storie d’amore con nulla attorno, ma tant’è.

3. I preferiti

Tra i preferiti, a parte la Principessa Sposa, ho adorato L’Accademia del Bene e del Male di Soman Chainani, The Program di Suzanne Young e i primi cinque di “Una serie di sfortunati eventi” di Lemony Snicket. Della Principessa Sposa ho già detto, per l’Accademia del Bene e del Male e The Program vi rimando alle rispettive recensioni (qui e qui), mentre per “Una serie di sfortunati eventi” posso dire di aver letteralmente adorato l’incredibile umorismo “nero” dell’autore.

4. Autore e personaggio preferito

Autore preferito, di nuovo, William Goldman. Il suo stile è pressoché perfetto: riesce a essere ironico e profondo nello stesso tempo e i suoi personaggi non sono per nulla scontati.
Personaggio preferito probabilmente Sophie dell’Accademia del Bene e del Male… lo so, la maggior parte dei lettori l’ha odiata per la sua cattiveria e la falsità, ma a me i personaggi antipatici e politicamente scorretti (ma con sviluppi profondi) piacciono troppo!

5. Quante saghe hai iniziato e quante ne hai finite?

Saghe iniziate:
L’Accademia del Bene e del Male e non vedo l’ora di leggere il seguito
Saga di Lux della Armentrout che ho naturalmente interrotto
La Saga di Kiera Class che ho interrotto dopo la lettura del primo orribile volume
La Saga iniziata con Regina Rossa di V. Aveyard, interrotta anche questa perché non mi ha preso per niente
Hania il cavaliere di luce di Silvana De Mari (ancora in lettura, ma la trovo molto ben scritta)
Riverside di B. Cataldi e aspetto il seguito
Il Giardino degli Aranci di Ilaria Pasqua di cui ho già in lista di lettura il seguito
Mystic City di Theo Lawrence di cui quasi sicuramente mi fermerò al primo volume che non mi ha preso particolarmente
Incantesimo di R. Hawkins di cui voglio assolutamente leggere il seguito
The Academy di A. Drake di cui aspetto il secondo
Una serie di sfortunati eventi che spero di portare a termine entro il 2016
Scarlett di B. Baraldi, di cui se avrò il tempo leggerò il resto
Il Settimo figlio di J. Delaney di cui ho gli altri libri in inglese, quindi ci metterò un po’

Non ho finito saghe quest’anno!

6. La cover migliore e peggiore dell’anno

La migliore cover è sicuramente quella de L’Accademia del Bene e del Male (ma solo perché sarebbe poco carino inserire qui quella realizzata da mia sorella per il terzo volume di Armonia di Pietragrigia… eheheh)

La peggiore è… questa. Lo so, mi accanisco… ma davvero detesto questo tipo di cover tutte fatte in serie.

7. Miglior libro di un esordiente

Un romanzo che ho visto “crescere”, una fiaba dolce e delicata.

alice

 

8. Quale libro avresti voluto leggere, ma non ce l’hai fatta?

The queen of the Tearling: l’edizione mi piace moltissimo, la storia è bella, è scritto bene ma… l’ho lasciato a metà. Non riesce a prendermi… comunque ci riproverò!

9. Miglior trasposizione cinematografica vista quest’anno

Credo di non aver visto un film tratto da un romanzo che mi sia piaciuto quest’anno. Tranne forse “Via dalla pazza folla” dove però manca un po’ tutto il lirismo e il pathos di Thomas Hardy.

10. Libro più atteso del 2016?

Il secondo volume dell’Accademia del Bene e del Male 🙂

Ti potrebbe interessare:

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *