#BookAdvice: tre libri contro l’omofobia

Reading Time: 3 minutes

buongiornoDi nuovo venerdì, di nuovo giorno di “consigli letterali“. Il tema di oggi si lega purtroppo all’ennesima ferita inferta al nostro pianeta: il massacro al Pulse di Orlando, dove sono morti 49 innocenti e ne sono stati feriti 53 a causa della follia omicida (organizzata o meno, poco importa) di un singolo. Non voglio entrare nel merito di una questione delicatissima, dico solo che l’amore è amore e che il mondo non diventerà mai un luogo migliore se permetteremo ancora alle persone (a quelli che ci sono vicini, anche) di stabilire quando un amore è “giusto” e quando è “sbagliato”. Sono anche convinta che i libri, i bei libri, la cultura, possano fare tanto per questo pianeta. Non perdo la speranza, ecco perché oggi vi consiglio tre libri che parlano di amore da un punto di vista diverso da quello che la società impone come “normale”.

Middlesex, Jeffrey Eugenides (Mondadori)

Chi mi conosce bene, sa quanto io ami Jeffrey Eugenides. La sua scrittura intelligente, acuta, poetica e profonda riconcilia col mondo. Lo fa anche con questo splendido romanzo, considerato il suo capolavoro: Middlesex, premio Pulitzer 2003. Protagonista è Calliope (detta Callie e poi Cal), uno pseudoermafrodito. Callie vive come una ragazza fino ai suoi 16 anni, quando per un incidente finisce in ospedale e viene scoperta la sua natura. Secondo i dottori e la famiglia, Callie potrebbe diventare “completamente” femmina con un’operazione, ma la ragazza non ci sta, la sua parte maschile è troppo forte e non morirebbe comunque, quindi assume l’identità di Cal e fugge. Il romanzo segue le avventure di Callie/Cal da New York a San Francisco, alla ricerca della sua vera identità, sempre in bilico tra corpo e anima, tra ciò che è, ciò che vorrebbe essere e ciò che gli altri vorrebbero diventasse.

Le mie due vite, Jo Walton (Gargoyle)

81tGg0up0EL

Un altro romanzo dalla trama originale, tra la fantascienza e il sociale, questa volta. Patricia e la sua doppia vita, letteralmente: a un certo punto della storia, infatti, la sua esistenza si sdoppia, prendendo due strade diametralmente opposte. In una di queste vite, è sposata con Mark, che non ama, è chiusa nelle strutture sociali del tempo e rischia di soffocare… nonostante tutto, ricomincerà a lottare per guadagnarsi ciò che le è dovuto. Nell’altra è felicemente innamorata della ricercatrice scientifica Bee e vive la sua storia d’amore senza aver paura di ciò che pensano gli altri (nonostante siamo più o meno negli anni ’60). La doppia vita di Trish/Pat ci porta attraverso anni di lotte, cambiamenti, rinunce e conquiste. Anni in cui le donne hanno iniziato a lottare per affermarsi, anni in cui la “famiglia tradizionale” ha cominciato a rivelare i suoi lati oscuri, anni di grandi stravolgimenti, la maggior parte dei quali, guidati dall’amore. Trovate la mia recensione qui.

Un altro giorno, David Levithan (Rizzoli)

13082519_10209086267415289_9080286204598909963_n

Questo romanzo non affronta apertamente tematiche LGBT, ma sicuramente il tema della diversità e quello del genere. Un altro giorno racconta la storia di un ragazzo di nome A che si innamora di una ragazza di nome Rhiannon. La particolarità è che A si ritrova ogni giorno nel corpo di qualcun altro, senza distinzione di genere o razza. La storia è raccontata dal punto di vista di Rhiannon, innamorata di A, che vede cambiare ogni giorno, da maschio a femmina, da bianco a nero e così via. Lo sforzo di Rhiannon di cercare il suo A all’interno di corpi diversi, amandolo comunque, è un modo per crescere, per conoscere se stessi e gli altri, per imparare a non giudicare dalle apparenze, a considerare il corpo l’involucro di qualcosa di meraviglioso che abbiamo dentro, che può essere riconosciuto e amato a prescindere dal sesso o dalla razza.

Vi sono piaciuti questi consigli?
Se avete da consigliarmi libri con tematiche LGBT, fatevi avanti!

Ti potrebbe interessare:

3 commenti

  1. Hai scritto delle bellissime parole per questa tematica estremamente delicata e sono d’accordo con te che in qualche modo i libri possano fare tanto per cercare di cambiare questi “limiti” che ancora sovrastano la società.

    Interessanti i libri, mi ha colpito soprattutto la trama di “un altro giorno” che aggiungo subito alla mia reading list.

    Baci

    Eleonora C

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *