Recensione di Wolves Coast, Ornella Calcagnile – Dunwich

Esce oggi il nuovissimo romanzo di Ornella Calcagnile, Wolves Coast edito Dunwich Edizioni e io sono pronta a partecipare al blog tour di presentazione con la mia recensione. Cosa aspettarsi da Wolves Coast? Una storia d’amore intensa e appassionata, una lotta crudele che dura da secoli tra due clan molto “speciali”, azione, avventura, tradimenti e antiche leggende.


TITOLO: Wolves coast
AUTORE: Ornella Calcagnile
GENERE: Fantasy/Young adult
PAGINE: 198
PREZZO: ebook € 3,99 – cartaceo € 14,90
DATA DI USCITA: 9 marzo 2018
Link di acquisto: ebook – cartaceo

Già dalla bellissima cover e dal titolo possiamo avere un’intuizione di quel che troveremo in questo romanzo: una ragazza, bellissima, ferita, alla ricerca di se stessa e della propria strada e lupi. Ebbene sì, questi splendidi animali popolano le pagine di questo romanzo: si parte dal titolo, la Costa dei Lupi, per poi andare al fulcro stesso della vicenda, che si svilupperà più o meno da metà romanzo in poi, in cui creature antiche, selvagge e in lotta tra loro si affrontano per la supremazia in questo sottile lembo di costa.

Ma andiamo con ordine. La storia è raccontata con un POV incrociato che vede le voci dei due protagonisti intrecciarsi e narrare la vicenda dai rispettivi punti di vista.
Emily Owen ha 21 anni ed è terribilmente confusa, rispetto a ciò che vuole dalla vita. Ha lasciato l’Università per la fotografia, con grande dolore da parte dei suoi genitori, ha interrotto la sua relazione con Maxwell, che con la sua pignoleria e ambizione rappresentava tutto ciò che Emily stessa ha sempre detestato, lei così incerta sul suo futuro e sulla strada da prendere.
É per questo che, quell’estate, Emily decide di partire alla ricerca di se stessa, con la sua valigia fatta in fretta e furia, diretta verso un luogo dal nome e dall’aspetto idillico, Wolves Coast, nello stato di Washington.

Ave­vo cercato su internet un luogo lontano dalla cupezza delle me­tropoli, un posto genuino e vivace, e lo avevo trovato: Wolves Coast, dove ancora si ergeva una comunità indiana intatta. Il panorama era mozzafiato: monti, boschi, roccia e sabbia.

Wolves Coast ha una storia antichissima, fatta di cruente lotte e una guerra intestina e sanguinosa per il possesso della terra: la costa è infatti divisa in due zone, South Wolves e North Wolves, completamente diverse tra loro. Mentre a South si trovano i nativi americani, che lottano contro l’avanzare del progresso e provano a conservare l’habitat naturale dei lupo, a North si trovano i discendenti degli europei e gli amerindi che, invece, favoriscono il progresso. Ma cosa c’è davvero, dietro la lotta dei due potenti clan?
Emily è destinata a rimanerne coinvolta, nel momento in cui incontra Howi Brant, giovane nativo americano che sembra subito attratto da lei, ricambiato. La passione che, di lì a poco, esplode fra i due avrà conseguenze anche sulla guerra in corso. Sì, perché da Emily è profondamente attratto anche Juri Gardner, rampollo della potente famiglia che governa il clan di North Wolves. La guerra che Juri e Howi cominceranno a farsi, per l’amore di Emily non è soltanto la lotta di due maschi per una donna, ma diventerà il simbolo dell’antichissima guerra fra due popoli il cui esito potrà essere solo la sopravvivenza dell’uno e la distruzione dell’altro.

La parte romantica e passione, dunque, è profondamente legata ai destini dei due popoli e alle vicende che coinvolgono creature molto speciali, chiamate dagli indiani Hania-Tohopka, spirito-guerriero bestia. Non vi dirò altro, perché scoprirete leggendo il romanzo tutta la loro storia. Veniamo invece al concetto principale del romanzo: la diversità, l’amore, le guerre intestine, argomenti attualissimi che Ornella affronta con decisione e puntualità, schierandosi nettamente dalla parte di chi considera l’amore la cura di gran parte dei mali del mondo, la diversità come puramente concettuale, il dialogo come necessario alla vita. Al di là delle vicende dei singoli, insomma, uno dei punti di forza del romanzo è la sua caratteristica di storia corale, popolata da tanti personaggi, che trasmette subito il concetto di “famiglia” nel suo significato più profondo. Famiglia non è un insieme di legami di sangue, famiglia è un gruppo di persone simili, legate da rispetto, amore, dedizione.
Emily è sola, confusa, alla sbaraglio, da questa vicenda incredibile uscirà profondamente cambiata (e non sapete quanto!), ma più forte, decisa. Alla fine, prenderà la sua decisione e sarà la decisione di una donna finalmente cresciuta.

Hai preso il mio cuore in così breve tempo che mi pare assurdo pronunciare queste parole, ma è così: ti amo.

L’amore è ovviamente il motore principale della storia, ma non è ridondante, piuttosto è funzionale alla vicenda. I frequenti cambi di scena e di POV, hanno un ritmo da serie TV e in effetti una serie tratta da questo libro ci starebbe moltissimo: Wolves Coast è un’ambientazione precisa, caratteristica, il background storico è stato trattato benissimo, i personaggi hanno la loro profondità. É una storia che si svolge nell’arco di un’estate, che fa venir voglia di mettere tutto in valigia e partire, come Emily, alla ricerca di un luogo sconosciuto, lontano e magico, in cui le leggende popolari si mescolano ai problemi più attuali e, ovviamente, alla forza più devastante che esista al mondo: l’Amore.

 

Ti potrebbe interessare:

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *